[ ][

[LIBERA][MENTE

CONSULENZA E PRATICHE FILOSOFICHE

THINK TANK - CONSULENZA FILOSOFICA AZIENDALE

Un'azienda, un'organizzazione, un'associazione per crescere necessitano della crescita integrale delle persone che vi lavorano o che vi prendono parte.


La consulenza filosofica, agendo sulle competenze trasversali che rendono le persone persone (capacità di ascolto, di osservazione, di dialogo, di ragionamento, di argomentazione, di pensiero creativo, di pensiero critico), favorisce la crescita integrale della persona nella convinzione che accrescendo la persona, accrescerà anche il ruolo che essa occupa in seno all'organizzazione.


Non mira ad aumentare il sapere, ma a saperlo organizzare meglio.


Non mira a migliorare le relazioni, ma a far sì che le relazioni migliorino le persone.

 
TITOLO
 TEMATICHE
 DESCRIZIONE
 SU CHE COSA SI RIFLETTE
CHE ACCADE 

QUANDO

SI SBAGLIA?

  • rilevazione e gestione di errori, discrepanze, non conformità
  • disagio, errore, incertezza
  • brutte figure: cosa si perde, cosa si guadagna


Si fa presto a dire che bisogna imparare dai propri errori. Spesso però gli errori sono motivo di vergogna, biasimo, critica, colpa. Si cerca di nasconderli, si puniscono, si sminuiscono, si cercano (altri) responsabili. Eppure sono davvero una grande risorsa se si sa che cosa rappresentano per sé e gli altri. Se si sa che cosa guardare, che cosa dire e quando dirlo.
  • Che cosa si può davvero imparare dai propri errori e da quelli altrui?
  • Che cosa si può fare di fronte a un errore?
  • Che cosa si può fare per evitarne altri in futuro?
  • Come si contestualizza l’errore?
 CHE LINGUA 

PARLIAMO?
pratiche per la co-costruizione di un linguaggio comune e condiviso
Spesso, benché si parli la stessa lingua, si ha l’impressione di non capirsi. Spesso si vorrebbe che gli altri ci capissero al volo. Spesso si vorrebbe che i collaboratori avessero una visione comune. Spesso, però, mancano le parole per dirlo o farsi capire.
  • Perché è importante parlare tutti la stessa lingua?
  • Che cosa significa parlare tutti la stessa lingua?
  • Come costruire e diffondere la stessa lingua?
 ENTRARE

IN ASCOLTO
pratiche di ascolto attivo con resilienza
Ascoltare è diverso da udire e da sentire. Si può ascoltare in molti modi, ma raramente l’ascolto è profondo, efficace, attivo. Ascoltare è un dono di sé all’altro. Eppure ascoltare è la condizione indispensabile per poter costruire una comunicazione efficace. Per poterla mantenere.
  • Che cosa significa ascoltare?
  • È difficile ascoltare?
  • Che cosa si ottiene da un ascolto attivo?
  • Come praticare un ascolto attivo?
ESSERCI

CON PRESENZA
laboratorio su tempi, spazi, relazioni, ritmi dello stare con sé, con gli altri, nel mondo
Come ogni cosa ha il suo tempo, così ogni persona e ogni relazione hanno il loro tempo e ancor più i loro spazi. Essere presenti autenticamente in una relazione richiede rispetto dei tempi, degli spazi e dei ritmi, ancora prima dei propri, di quelli del mondo.
  • Che cosa significa essere presenti?
  • Quali tempi, ritmi, spazi abitiamo?
  • Quali vorremmo abitare?
  • Quali abitano gli altri?
  • Quali abita il mondo?
QUI ABBIAMO

UN PROBLEMA 
  • creatività
  • problem solving
  • pensiero laterale
Spesso talune situazioni appaiono come un labirinto senza via di uscita. Altre come una ragnatela: più ci si dibatte, più ci si sente imprigionati. Trovare soluzioni, innovare, creare sono possibilità che ciascuna persona possiede, ma che spesso non crede di avere. C’è solo un modo per scoprirlo.
  • Che cosa accade quando ci si trova ad affrontare un problema apparentemente irrisolvibile?
  • Che cosa accade quando nessuna soluzione sembra inefficace?
  • Come abilitare e liberare le potenzialità di creatività, innovazione, capacità di soluzione delle persone, dei gruppi?
 SO-STARE

NEL

CONFLITTO?
 gestione creativa dei conflitti
I conflitti sono inevitabili dove si trovano due persone. Se non ci sono è perché o si nascondono, o c’è qualcuno che subisce passivamente. I conflitti fanno male, bruciano, quando sono gestiti con modalità aggressive, eppure sono essenziali per la crescita delle persone, delle organizzazioni, delle relazioni. Gestire un conflitto creativamente non significa inventarsi nulla, significa inventarsi tutto
  • Quali modalità si impiegano per la gestione dei conflitti?
  • Perché gestire un conflitto creativamente?
  • Come gestire un conflitto creativamente?

UNO DOPPIO 

SGUARDO 
laboratorio per (ri)trovare la propria efficacia ed efficienza
«Essere efficaci, essere efficienti. Questo si vuole da sé e dagli altri, sul lavoro. Poche chiacchiere!».
Questo allora è il vostro laboratorio.
  • Si può essere veramente efficaci?
  • Si può essere umanamente efficienti?
  • Come?

IL SENSO DEL

NOSTRO

ASSISTERE

costruire valore a partire dal senso e significato del proprio lavoro
Le macchine, gli oggetti non hanno bisogno di ragioni per compiere ciò che fanno, lo eseguono, e nella mera esecuzione si conclude la loro funzione ed esistenza. Le persone invece necessitano di costruire, ricercare, condividere sensi e significati di quanto stanno facendo, di quello in cui spendono il proprio tempo, le proprie energie, la propria vita. Dare senso è quanto consente loro di poter continuare a esprimere il meglio di se stesse, di trarre un’intima profonda soddisfazione dal tempo, dalla fatica, dalla vita che dedicano al loro lavoro. Saper dare senso significa sapere che si sta spendendo bene il proprio tempo, la propria vita. Saper attribuire a ciò che si fa ogni giorno da anni un significato che va oltre il contingente e che si apre a un orizzonte di senso più vasto, condividere con altri le ragioni del proprio lavorare, sono aspetti fondamentali per poter sostenere la fatica, per non ritrovarsi a vivere come ingranaggi di una macchina, per preservare e ri-scoprire la propria umanità, la propria appartenenza al mondo dei vivi, per vivere più serenamente possibile il proprio posto e luogo di lavoro.
  • incrementare la motivazione
  • sostenere nella fatica
  • preservare, rinnovare, ri-scoprire la propria umanità
  • incrementare l’appartenenza