[ ][

[LIBERA][MENTE

CONSULENZA E PRATICHE FILOSOFICHE

 

WILD TEACHER

La gestione emotivo-comportamentale di una classe scolastica, condizione essenziale per un insegnamento autenticamente efficace, necessita oltre che di solide competenze didattiche proprie di ciascuna disciplina, di una vasta e articolata serie di competenze relazionali e comunicative sapientemente dosate, quali autorevolezza ed empatia, fermezza ed assertività, nonché della capacità di operare come un team affiatato con i colleghi del consiglio di classe.

Riuscire a interessare gli alunni agli argomenti, coinvolgerli nel processo di apprendimento, motivarli allo studio, mantenere la loro attenzione, gestirne i comportamenti disturbanti, richiede la capacità di destreggiarsi, e al tempo stesso di sapersi coordinare con gli altri colleghi quali membri dello stesso equipaggio, in acque talvolta impetuose, altre volte placide, tra secche nascoste e rapide insidiose, di saper cogliere i piccoli segnali spesso impercettibili che qualcosa sta per accadere, di saper governare situazioni impreviste e conflittuali, di comprendere quando è il momento di accelerare, quando di impartire una svolta energica, quando invece è necessario rallentare e infine quando è opportuno assecondare la corrente, ovvero quando si può e si deve allentare la presa sulla classe.

La sfida educativa si vince grazie a docenti in grado di padroneggiare la complessità di tali situazioni, in cui emotività e cognitività sono indissolubilmente legate, capaci di diventare attrattori limbici per i propri studenti, di lavorare in team con i propri colleghi, di non lasciarsi travolgere dalla pericolosa corrente dell’abitudine, della consuetudine, del si è sempre fatto così.

C’è bisogno di insegnanti che sappiano andare oltre ciò che sanno già fare, che credano sia importante passare da una visione io-insegnante a una noi-consiglio, capaci di trasmetterla in modo convincente ai propri colleghi nonostante gli individualismi, le resistenze, le perplessità.

Il corso di formazione WILD TEACHER  attraverso la pratica out-door del rafting e a sessioni d’aula full-immersion porta a esplorare nuove frontiere, ossia nuove possibilità e modalità nella gestione emotivo-comportamentale della classe, a ri-conoscere limiti e confini del proprio essere  docente, a varcarli per allargare i propri orizzonti, a ri-scoprirsi docenti autorevoli ed efficaci, a sviluppare e diffondere l’attitudine alla collaborazione e al lavoro di squadra con i propri colleghi.


rafting

FINALITÀ

Ciascun partecipante potrà perseguire le finalità che avverte come importanti per sé:

·         agire in modo corretto ed efficace di fronte a comportamenti disturbanti

·         ampliare il repertorio delle proprie competenze e modalità comunicative

·         confrontarsi con altri docenti su problematiche, vissuti, difficoltà e condividere cultura esperienziale, soluzioni, buone prassi

·         dedicare tempo a se stessi: avere cura di sé, dei propri bisogni, dei propri valori

·         fare chiarezza, mettere ordine, dare un nome a ciò che si conosce e a quanto si sta facendo

·         incrementare la capacità di motivare, interessare, ispirare i propri studenti

·         ri-caricare le energie e la motivazione in vista di un nuovo anno scolastico

·         sperimentare nuove posture, nuovi strumenti, altre possibilità

·         sviluppare nuove strategie nella gestione della classe e di collaborazione con i colleghi

·         trasformarsi per trasformare

       trovare conferme, buone domande e nuove motivazioni

DESTINATARI

Docenti di scuola secondaria di I e II grado, dirigenti scolastici, psicologi, educatori, formatori, studenti universitari.

·         chi cerca nuove motivazioni

·         chi crede nell’importanza del lavoro di squadra tra colleghi di una classe, di un istituto

·         chi desidera mettersi in gioco e provare a superare limiti e confini

·         chi è convinto che dagli altri e dalle nuove esperienze si possa sempre imparare

·         chi è un insegnante autorevole ed efficace e crede che si possa ancora migliorare

·         chi intende essere agente di cambiamento per la propria classe, la propria scuola, la propria comunità

·         chi mira a portare a compimento le proprie potenzialità e a dare il meglio di sé

·         chi pensa sia giusto dedicare tempo a se stessi

·         chi ritiene che il segreto di insegnare al meglio stia nel continuare a imparare

·         chi sente di voler fare il punto del proprio percorso nel mondo della scuola

·         chi sta studiando per diventare insegnante

        chi vuole conoscere meglio se stesso

NUMERO PARTECIPANTI

L’esperienza WILD TEACHER   prevede un gruppo ristretto di partecipanti*: minimo 8 massimo 15.

*Il corso verrà attivato solo in caso di raggiungimento del numero minimo di partecipanti.

PROGRAMMA E CONTENUTI DEL CORSO


DAY 1                                                                                   

ore 10.00: check-in Hotel AlpHoliday Dolomiti di Dimaro (TN)

ore 11.00: sessione d’aula: La prima impressione: l’immagine di sé alla classe

ore 13.00: pranzo

ore 14.00: attività libera*

ore 17.00: sessione d’aula: Modificare lo sguardo: i comportamenti disturbanti

ore 19.00: cena

ore 20.30: sessione d’aula: La gestione della classe: tra autorevolezza, empatia e fermezza


DAY 2                                                                                   

ore 08.30: rafting presso centro Extreme Waves di Mestriago di Commezzadura (TN)**

ore 12.30: check-out e pranzo

ore 14.00: sessione d’aula: Il fiume, il gommone, l’equipaggio: declinazioni scolastiche

ore 16.00: sessione d’aula: Bilancio conclusivo

ore 16.30: attività libera*

* possibilità di accesso all’area wellness sino alle ore 18.00 della domenica

** le attività outdoor sono svolte dalle guide accreditate e abilitate del centro Extreme Waves.


MODALITÀ DIDATTICHE DELLE SESSIONI D’AULA

Per favorire l’apprendimento e l’applicazione dei contenuti si prevedono:

·         brevi interventi frontali a carattere teorico

·         visione di filmati

·         pratiche dialogico-filosofiche

·         esercitazioni e giochi di ruolo

·         discussione e analisi casi reali

·         lavori in sottogruppi


 
 

"Se fai solo quello che sai fare, non sarai mai più di quello che sei ora."